Cerchiamo di spiegare il maleficio, in cosa consiste, come nasce, il significato stesso della parola.

Se prendiamo un qualunque dizionario in lingua italiana, alla voce maleficio ci danno queste definizioni: “il Maleficio è l’azione diretta a danno di qualcuno o a detrimento di qualcosa, o che comunque risulta dannosa e vantaggiosa” (Dizionario UTET).

Colui che compie questa operazione è un ritualista Stregone oppure una Strega ritualista o Fattucchiera che dir si voglia.

Il maleficio è considerato un intervento rituale sconveniente in quanto lesivo delle liberta altrui nonché della salute e quindi sul piano etico morale va considerato nel modo più attento possibile da parte del ritualista esoterico.

Il maleficio viene anche preso in considerazione dai ritualisti per il benessere è la salvaguardia della comunità minacciata da un potenziale nemico che non è possibile aiutare in altro modo.

Il termine maleficio deriva dal latino “malia” incantamento, e “fecere” azione. Il “fare” implicito della parola comporta l’idea di una manipolazione più o meno complessa di sostanze e ingredienti che realizza lo stato voluto, da qui anche il termine di “fattura”.

Il “sortilegio”, ha invece, finalità più sottili, pur agendo ed è solitamente sinonimo di “fattura a morte”

Ciò che fa gioco in questo senso è la precisa è spiccata volontà del ritualista stesso orientata verso il male. Atta o coercere una volontà più debole e indifesa onde piegarla ai propri voleri. Tutto questo implica una sorta di circuito chiuso che viene a instaurarsi tra due o più persone: il maleficiatore vale a dire chi trasmette l’azione nefasta e il maleficiato, cioè chi la subisce che è spesso inconsapevole dell’incombenza del rituale stesso in azione contro di lui.  Stante queste premesse risulta dunque chiaro che per attivare un’azione malefica è necessario possedere un certo potere “magico”, di una ottima autodisciplina mentale, di una forte volontà capace di aggredire psichicamente il bersaglio, sorretta da una forte corrente di odio. Sintetizzando al massimo si può dire che il maleficio può essere di due tipi:

Diretto: quando agisce, senza alcuna mediazione sul bersaglio da colpire. Possiamo paragonare il ritualista ad una emittente sonora ed il bersaglio ad una ricevente sintonizzata su quel programma specifico. Perché il maleficio abbia luogo occorre che il soggetto ricevente non abbia nessuna possibilità di spegnere il ricevitore e che , la trasmissione, sia istantanea e imprevedibile. Tale è, l’esempio, il cosiddetto malocchio, la visualizzazione in astrale.

Indiretto: quando il ritualista non agisce direttamente sulla vittima, ma attraverso mezzi che le sono caratteristici o che le appartengono o, in via subordinata, esercitando la coercizione sulla rappresentazione caratteriale del soggetto stesso (oggetti che gli appartengono, frammenti di unghie, capelli, sangue, ecc.) denominati, in genere, “oggetto di transfert”.

Il maleficio indiretto può essere esercitato in 4 modi differenti.

        a)    in fissione o defixio

        b)   putrefazione

        c)    annodamento o legatura

        d)   distruzione.

Prima di esaminare, più da vicino, questi sistemi diversi è necessario precisare bene il meccanismo magico che pone in atto il sinistro rituale e fissarne le leggi che lo governano.

La prima è la cosiddetta “legge di simpatia” comune a tutta la vasta disciplina “magica”e che può essere sintetizzata in questi termini: “ogni simile ama il suo simile, ogni cosa che sta in alto è come ogni cosa che sta in basso“; l’altra, è la “legge del contagio e dell’obiquità dell’idea” o anche “ legge del transfert” che può descriversi in questi termini:”alcuni oggetti, simboli o glifi, sono in grado di condurre e di trasportare dei messaggi e delle onde (correnti astrali) e possono servire da “antenne direzionali” allo scopo di raggiungere il bersaglio prescelto; la terza è la “legge di risonanza” vale a dire: “gli effetti di una azione subita da una parte separata da un corpo sono risentiti da tutto quel corpo indipendentemente dalla distanza che intercorre tra due parti”.

Ovviamente è bene precisare che il maleficio, per essere attivato, legato com’è a certe limitazioni abbisogna, a parte le indiscusse capacità del ritualista che devono essere notevoli, di una buona ricettività da parte del soggetto bersaglio. A questo proposito è bene specificare che si tratta di una ricettività specifica che non ha nulla in comune con le qualità affettive del comportamento generale dell’individuo, quali l’emotività, la sensibilità più o meno accentuata, l’impressionabilità, ecc. .

Più specificatamente direi che si tratta di un particolare “angolo di apertura” della mente, un atteggiamento psicologico che, se in certi individui è molto marcato, in altri è assai limitato per cui questi ultimi sono assolutamente impermeabili ai sortilegi.

Relativamente alla realtà del maleficio, non vi possono essere dubbi al riguardo, anche se la stragrande maggioranza di coloro che fanno parte dei cosiddetti “operatori dell’occulto” che si dicono capaci di mirabolanti effetti paranormali o di magie straordinarie rappresentano una ignobile massa di ciarlatani che speculano ed ingrassano sulle miserie umane.

In genere, coloro che dispongono effettivamente di questi terribili e arcani poteri sono quei rari ritualisti iniziati che hanno ricevuto i loro poteri dalla tradizione orale tramandata di generazione in generazione.

Recentemente poi, a seguito di nuove scoperte relative all’energia psicotronica, alla radionica, e alla forza vitalizzata del pensiero, la tecnica ritualistica nel bene e  nel male sta diventando una realtà su basi scientifiche che, un giorno, potrà essere spiegata e dimostrata a livello subatomico e dal calcolo quantistico.

Questo articolo parla di credenze popolari. L’esoterismo è un credo, una fede, non obbedisce a nessuna norma ne logica ne tantomeno Scientifica e Medica.

Vuoi esporci il tuo problema? Compila il modulo sottostante prenderemo contatto a breve.. 

Legamento d’amore di “Ishtar” Ecco quanto noi crediamo nell’esoterismo! Nessuno oltre a noi e pronto a mettersi in discussione. Se lo desideri veramente non esitare a contattarci. Spiegaci la tua storia compila il Form e ti ricontatteremo a breve – Anche Whatsapp al 328 073 27 46

Rituali di Malefici, Fare Malefici, Rituali esoterici, Esoterismo, Occultismo, Legamenti d’amore, Come fare legamenti d’amore, Malocchio, Come fare il malocchio, Malefici, Massoneria, Rituali massonici, Fatture d’amore, Rituali magici, Magia bianca, Magia rossa, Magia nera, Voodoo, Rituali Salomonici, Tempio, Astrologia, Talismani, Amuleti magici, Talismani della Fortuna, Rituali antico Egitto, Rituali del serpente, Stregoneria, Stregoneria e Magia, Maleficio d’Amore, Maleficio di Morte

Aggiungi commento

HAI DOMANDE? TI RISPONDEREMO A BREVE OPPURE SCRIVI UN TUO COMMENTO.L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Codice di sicurezza
Aggiorna